top of page

Domande frequenti Domande

1. Quanto dura una sessione 1:1?

Le sessioni 1:1 durano solitamente 90-180 minuti a seconda del facilitatore, del contesto della sessione stessa e di come il facilitatore mappa e supporta le fasi di iniziazione e integrazione della trasformazione durante il processo. Il panorama sonoro della danza interna è di solito di 60-90 minuti e il tempo rimanente è costituito da condivisioni, dialoghi, integrazioni e possibili passi successivi per una continua crescita o cambiamento.

2. Che cosa succede di solito in un rapporto 1: 1 seduta?

Le sessioni iniziano con il dialogo. Spazio per parlare, condividere, porre domande, esprimere sentimenti, pensieri, emozioni o elementi della storia che vengono osservati, elaborati, che necessitano di supporto, che arrivano alla chiarezza o forse salgono dall'inconscio alla consapevolezza cosciente. Tutto ciò che sorge è valido e compassionevolmente dato spazio per essere visto, ascoltato e sentito. Le prime fasi del parlare e del dare visibilità all'invisibile e all'inascoltato sono già molto salutari. Una volta che gli elementi nascosti o i fattori sottostanti vengono delicatamente portati in superficie, può verificarsi spontaneamente un processo molto più profondo di districamento e districamento. Il facilitatore NON è il guaritore! Il facilitatore è semplicemente colui/colei che testimonia la miracolosa capacità di guarigione che vive in modo innato in ognuno di noi.

I facilitatori utilizzano una varietà di tecniche per la mappatura energetica e la connessione intuitiva. Da questo campo creativo sorge l'energia concettuale. Quando questa energia viene vista e soddisfatta, cambia: l'autorizzazione e il permesso per questo cambiamento innescano i primi movimenti. Qui emerge la danza interiore. I facilitatori lavorano con vari punti energetici sul corpo e nel campo energetico circostante. Possono mettere le mani sul corpo, assistere i movimenti del corpo, relazionarsi attraverso la sinergia o lavorare energeticamente all'interno del campo di simmetria del corpo. Molti facilitatori hanno anche un'intuizione altamente sensibile che crea spazio per canalizzare o accedere alle informazioni a un livello di esperienza e interpretazione chiaroveggente, chiaroudiente o chiarosenziente.

Dopo la musica, viene onorato e sostenuto lo spazio per il reinserimento. Questo può essere sotto forma di dialogo, condivisione di intuizioni, risposta a domande o fornire ulteriore spazio di riflessione attraverso la scrittura, il disegno o qualsiasi altro mezzo creativo di espressione.

NOTA BENE: La crescita spesso deriva dall'applicazione del cambiamento. L'integrazione di una sessione 1:1 può richiedere tempo. I cambiamenti ai livelli vibratori e cellulari dell'esperienza si spostano nell'omeostasi a velocità variabili. Lascia che la sessione continui a spostarsi anche dopo la fine dell'1:1.

3. Quanto dura una sessione di gruppo?

A seconda dello spazio, dei tempi di prenotazione o dell'orario delle lezioni disponibile, le sessioni di gruppo vanno da ca.

90-180 minuti con paesaggi sonori e durata delle playlist di solito un'esperienza di 60-90 minuti. Dopo il paesaggio sonoro, le sessioni di solito si chiudono con lo spazio per la reintegrazione e la condivisione. A seconda del numero di partecipanti e della durata delle condivisioni, concedi 15-45 minuti per questo cerchio di chiusura.

4. Com'è lo spazio di gruppo?

a) Uno spazio aperto

I facilitatori hanno ciascuno modi unici per aiutare ad aprire lo spazio. Questo accade spesso anche prima dell'arrivo dei partecipanti. Alcuni facilitatori giurano sul saggio prima di qualsiasi attività spirituale, altri trovano protezione e benedizione nel palo santo o nei cristalli. Per altri, un'umile connessione di cuore e la gioia sono più che sufficienti per aprire amorevolmente uno spazio. Abbi fiducia che l'apertura è d'amore, comunque accada.

b) Invito al Circolo

La saggezza tribale degli anziani e degli antichi ci ricorda in cerchio. Siamo semplicemente gli specchi di Ciò che È. I cerchi sono sia sacri che comuni. Lo spazio circolare onora il collettivo e il centro equanime che ci equilibra tutti. Con gratitudine per la geometria del cerchio e la natura dell'essenza, ci sediamo.

NOTA: Non è importante se una qualsiasi profondità della saggezza circolare sia resa visibile prima o dopo la danza interiore. Questa è una parte ben documentata della cultura umana disponibile per l'interpretazione. Ti invitiamo a connetterti, tuttavia è significativo per te.

Questo invito è solitamente non verbale. Potresti trovare cuscini o stuoie per lo yoga in cerchio sul pavimento o un'offerta nel mezzo di uno spazio. I facilitatori aiutano a impostare lo spazio in modo che tu ti senta benvenuto e al sicuro.    

5. Quali sono le basi di una sessione di gruppo?

a) Presentazioni

Le introduzioni si presentano sotto forma di condivisioni, dialoghi, dimostrazioni o altre sequenze o rituali cerimoniali/pratici tenuti in allineamento con lo spazio.

b) Paesaggio sonoro o playlist Innerdance

Chiudi gli occhi. Respirare. Fiducia. Permettere. Ascolta. Essere. Diventare.

Per ulteriori informazioni, guarda i video MUSIC o IDES

c) Reintegrazione

Riposa nel silenzio. Le durate del suono continuano a muoversi attraverso vaste distese di tempo non lineare. Il tempo non lineare sperimenta tuttavia l'elasticità delle proprie durate. Trova un momento di quiete per fermarti e sentire tutto ciò che scorre. Dai spazio alle sensazioni, alle emozioni, ai pensieri e alle vibrazioni per continuare a muoverti. L'inerzia è profonda in queste esperienze e potrebbero volerci ore, giorni o più per reintegrarsi completamente. Fidati di qualunque cosa ci sia.

d) Circolo di condivisione

La condivisione delle cerchie può durare solo pochi minuti o può estendersi per molto più tempo. Non è necessario parlare ad alta voce durante questo circolo. Tuttavia, molti partecipanti trovano che qualsiasi tipo di verbalizzazione aiuti nel processo di reintegrazione. Vocalizzare porta voce alle parole e vibrazioni risonanti nel momento, creando una rete di ricordi simile alla neuroplasticità. La coscienza collettiva diventa più intelligente di se stessa poiché anch'essa subisce un'impennata nella connettività sinaptica.

6. Sono stato invitato a un ballo con il cacao. Che cos'è questo?

Che si tratti di cacao, meditazione, yin yoga, lavoro respiratorio, attivazione vocale, cerimonie della luna piena, ecc., la danza interiore si armonizza con molte altre pratiche, modalità, rituali ed esperienze. Sebbene la danza interiore sia anche semplice fiducia con solo cuffie e una playlist, quando i gruppi si allineano energeticamente a livelli elevati di connettività, l'esperienza può essere profonda, magica e fuori dal mondo. L'energia co-adattativa sboccia e fiorisce in questi momenti mentre si è in uno stato coerente di cuore e mente. È sia l'"effetto di benessere" che "tutto ciò che fa sentire bene è anche un buon 'effetto a catena'". Detto questo, lascia che il buon amore per il cacao guidi la strada: buon viaggio.

7. Cosa potrei sperimentare durante una sessione di danza interna?

In primo luogo, quando l'aspettativa per ciò che potrebbe/potrebbe non accadere viene abbandonata, la danza interiore avviene in modo intuitivo e spontaneo. Questo è vero per qualsiasi danza interiore. Durante la parte del paesaggio sonoro di una sessione di danza interna, la musica supporta il processo come una playlist che si sposta tra i vari stati delle onde cerebrali in un ritmo simmetrico ai cicli del sonno umano e ai movimenti planetari. Quando i suoni delle onde cerebrali cambiano, il corpo e la mente si muovono attraverso molte diverse possibili espressioni per questo movimento energetico. Il cervello sperimenta questo come un'ondata di elettricità che porta a una maggiore stimolazione e risposta sinaptica, specialmente nell'emisfero destro. Il sistema nervoso autonomo attraversa vari stadi di trasformazione. E il corpo fisico è spesso testimone di un tempo non lineare espresso come sensazioni, colori, emozioni, sentimenti e movimenti, che si verificano con o senza razionalizzazione logica.

I facilitatori utilizzano una varietà di tecniche per la mappatura energetica e la connessione intuitiva. Da questo campo creativo sorge l'energia concettuale. I facilitatori lavorano con vari punti energetici sul corpo e nel campo energetico circostante. Possono mettere le mani sul corpo, assistere nei movimenti del corpo, relazionarsi attraverso la sinergia o lavorare energeticamente all'interno del campo di simmetria del corpo. Molti facilitatori hanno anche intuizioni altamente sensibili che guidano i loro movimenti durante una sessione.

8. La danza interiore è una modalità?

A differenza delle pratiche o delle modalità, la danza interiore non struttura una forma specifica attraverso la quale scorre l'energia. È flusso. Il corpo stesso è la forma. Tutto ciò che sorge deriva dall'armonizzazione di ciò che emerge e dalla diffusione dei punti di tensione nell'incarnazione cognitiva e viscerale. Sia a livello personale che collettivo, la diffusione è anche una coscienza. Nei luoghi di confine e nei punti di forte tensione, la coscienza innovativa si muove verso il potenziale per una profonda trasformazione della vita. In questo modo il risveglio può avvenire spontaneamente . L'incarnazione di questa "energia risvegliata" è unica per ognuno di noi come un'impronta digitale, un'iride o una storia di nascita astrologica. Sei tu. Quando lo senti, ricordi frammenti di ciò che ti muove dalla scintilla accesa che illumina il percorso verso la tua illuminazione interiore e ritorna. Nessuna modalità o pratica può produrre questo per te: la forza generativa è dentro di te. L'Innerdance è un portale attraverso il quale si incarna l'energia di questa saggezza, potenziando l'essere ed espandendo l'orizzonte. È un invito al risveglio.

9. Le sessioni di danza interna sono tutte uguali?

Per rispondere semplicemente, No! In realtà, ogni sessione è diversa. Espandere questo momento nella durata di una sessione apre un'infinità di potenzialità per sperimentare i ritmi dell'Adesso.

10. L'innerdance avviene solo con musica o playlist?

Deep History include la natura e le origini del ritmo nella nostra storia di canzoni umane di movimento spontaneo, trance e stati espansi di coscienza. L'immobilità, la danza, il silenzio e il rumore contribuiscono ciascuno alle qualità di un Universo che iniziamo a ricordare nella spaziosità del flusso. Questo può accadere con o senza musica. Può sorgere quando è immerso nella bellezza di una foresta, nei suoni di una cascata, nelle onde che si infrangono su una spiaggia o negli insetti nella notte. Il rumore bianco può portarci lontano negli spazi onirici dell'infinito e del nulla che ci catapultano indietro nei ricordi dell'utero o in una sensazione di vita prima del primo respiro dell'universo. Quando il ricordo entra in uno stato di saggezza incarnata, la danza interiore diventa la qualità vivente della vita stessa. Per assistere in questo processo di divenire, playlist, paesaggi sonori e una miscela di musica e rumore sono gli strumenti di navigazione che ci trasportano attraverso il campo concettuale e le energie della forza creativa nel viaggio verso casa.

bottom of page